Archivio mensile:dicembre 2014

L’assalto dei babbi natale

Tornando a casa ieri sera non ho potuto non essere colpita dagli addobbi natalizi che rischiarano la lunga notte dicembrina. Quando i bambini erano piccoli, si giocava a contare le stelle, le renne, gli alberi colorati. Adesso sembra ci sia un vero e proprio assalto di babbi natale che si arrampicano sui muri delle case, dando così un pessimo esempio. Istigazione a delinquere, la definirei. Non vorrei che uno di questi poveri benintenzionati si arrampicasse sul muro della mia vicina che ha appena fatto installare un sofisticato sistema di allarme. Non voglio immaginare i titoli sulle locandine dei giornali locali:
ARRESTATO BABBO NATALE
COLTO IN FLAGRANTE MENTRE TENTAVA DI INTRODURSI IN UN APPARTAMENTO DALLA FINESTRA DEL SECONDO PIANO
E se il sistema di allarme prevedesse una scarica elettrica? Altro titolo:
BABBO NATALE FULMINATO NELLA NOTTE.
E le renne? Anche per le povere amiche mala tempora curunt. I cani sono arrabbiatissimi per queste intrusioni, abbaiano come matti a queste presenze aliene nel loro territorio. I gatti si divertono a far loro dispetti, causando spesso incidenti anche gravi, come la perdita di un occhio o delle corna.
Non avete visto quanti cartelli segnalano la presenza di ungulati sulle strade? Di certo renne che si sono perse e vagano senza meta senza la loro slitta.
Non c’è amore nei confronti delle renne viventi o dei loro cugini cervi. La mia vicina ha predisposto una difesa fortificata anche contro di loro. Dopo aver sollevato e arrotolato il tappeto verde intorno alla sua casa e installato un raffinato impianto di irrigazione subcutaneo, inutilissimo in questo clima così piovoso, ha anche ingabbiato con una vera e propria camicia di forza tutti gli arbusti che potevano invitare queste dolci creature ad assaggiare le loro gemme. Non so se sia arrivata a circondare le camelie e i gelsomini di filo spinato, certo il suo giardino non ha più un’aria molto natalizia.
Io ho dei bei ricordi del mio natale di quando ero bambina. Un anno i miei fratelli avevano dato sfogo alla loro creatività occupando un’intera stanza, detta l’Ultima Camera perché in fondo in fondo alla casa e non riscaldata, con uno splendido presepe. Trionfo della meccanica, prima dell’elettronica. Avevano raccolto il muschio nel bosco, costruito un elaborato impianto idraulico per le varie fontane e i laghetti, previsto persino il suono di campanelle e trombe. Ricordo il grande entusiasmo in famiglia.
Perché da quando sono diventa grande non riesco più ad esaltarmi così? Forse, semplicemente per la grandissima fatica. Quando i bambini erano piccoli facevamo un piccolo presepe. Ho ancora delle statuette, un laghetto e dei pesciolini fatti col DAS. Adesso, anche volendo, non potremmo più avere un vero presepe, perché i nostri due gatti se ne approprierebbero immediatamente, così come si divertirebbero un sacco con le lucine esterne. Quando abbiamo cercato di addobbare un piccolo albero in giardino, è arrivato il Vento del Nord, che ha mandato tutto all’aria, letteralmente. Per non parlare della messa di mezzanotte. Sono sempre crollata prima. Freddo, caldo, sonno, influenze, raffreddori, stanchezza, stanchezza, stanchezza..
Vedo su facebook foto di presepi, alberi, decorazioni, luci di Hanukkah, paesaggi imbiancati, una vera e propria gara a chi li ha più belli, più grandi, più piccoli, più spirituali, più poveri più, più, più..
D’altra parte prima ci scagliavamo contro il consumismo, adesso, in tempo di crisi, lo rimpiangiamo.. L’altro giorno, in una di quelle trasmissioni radiofoniche in cui si dà voce anche a chi dovrebbe tacersi per sempre, ho sentito un quasi litigio a proposito di Gesù Bambino e Babbo Natale. Gesù Bambino che porta le Barbie, Lego e armi spaziali elettroniche è cattolico, Babbo Natale che porta le play station, i giochini elettronici e il nuovo I-phone al papà o alla mamma è neo pagano, un’invenzione della Coca Cola.
Ma a me piacciono tanto le canzoni di Natale, italiane, inglesi, americane, tedesche, francesi, russe (altre non ne conosco). Da White Christmas al Piccolo Albero russo, da Stille Nacht a Les Trois Grand Rois, da Scendi dalle Stelle ad Adeste Fidelis, da The Twelve Days of Christmas a Piva Piva l’Oli di Uliva. Sono tutte bellissime!
Per favore non litighiamo anche per il natale, un po’ di tolleranza per il natale degli altri! Godiamoci quello che ci piace del nostro natale: pandoro o panettone, albero o presepio, tacchino o cappone, tortellini o capitone, in allegria e in armonia, è comunque una festa dei nostri giorni, accettiamola e accettiamoci per quella che è e per quello che siamo, senza tutti questi rancori e sensi di colpa…
Un’ultima annotazione, anche se forse vado fuori tema, come mi dicevano una volta, e merito un’insufficienza. L’altra sera ho visto alla televisione della Svizzera italiana, un bel servizio dedicato al convento di Bigorio, vicino a Lugano. Splendido luogo, con vista “imprendibile”, come dicono qui. Ci si può andare per passare qualche giorno in silenzio. Mamma mia, che fatica, quando i bambini ci fanno giocare al gioco del silenzio, io perdo sempre e il gioco finisce in una risata. Mah… certo se si tace non si dicono stupidaggini.
Due i frati rimasti al Bigorio, più un giovane indiano, con denti bianchissimi e dolci occhi neri, che si occupa della produzione di grappa, nocino e miele. Questo giovane è innamorato delle api, le accarezza persino. Chi di noi ha mai accarezzato un’ape?
Il frate anziano è un artista, un pittore… dice che trova ispirazione nella natura circostante. E ci credo! Il frate più giovane ha un’attività esterna, insegna e pratica cure palliative ai malati terminali. Dice che di fronte al mistero del dolore, soprattutto dei bambini si può solo tacere…
Dice di essere contento di vivere in un luogo dove non sono avvenuti né miracoli né apparizioni. Che il miracolo più grande è la vita… breve o lunga che sia.
Come mi è piaciuto. Ecco voglio che sia questo il mio pensierino di natale.

Bibliografia:
Babbo Natale Briggs Raymond, 2014, Rizzoli
Babbo Natale va in vacanza Briggs Raymond, 2014, Rizzoli

Natale 2014

Annunci